Analisi della sconfitta del progetto in un’intervista con S. Rusconi concessa a La Regione.

    Analisi della sconfitta del progetto in un’intervista con S. Rusconi concessa a La Regione. 1) Qual’è il suo rapporto col territorio del “mancato” Parco Nazionale del Locarnese? Sono nato e cresciuto sulla montagna sovrastante Locarno. I miei genitori erano di origine brissaghese-losonese (la madre) e veruaschese (il padre). Mi sono diplomato alla Magistrale, … Leggi tutto

Comunicato stampa post votazione

PARCO NAZIONALE, LA FINE PERL’INIZIO A una decina di giorni dall’esito scaturito dalle urne, l’associazione NO al parco ha indetto un’assemblea alla quale hanno preso parte membri del comitato allargato. L’ottimo risultato ed il lavoro di squadra hanno portato le dimensioni del gruppo in continuo crescendo. L’esito della votazione deve perciò essere visto non solo … Leggi tutto

Parco nazionale: the day after

Il verdetto del Popolo è giunto ed è assolutamente inequivocabile. Con la mancata adesione al Progetto PNL di sei comuni su otto il progetto è stato asfaltato per sempre. Questa decisione la dobbiamo considerare storica per due ragioni. In primo luogo, sebbene si trattasse di una votazione limitata solamente a 8 comuni, essa aveva una … Leggi tutto

INTERVISTA a Sandro Rusconi – Progetto PNL affossato, grazie a tutti!

Tratto da: http://ilpaese.ch/parco-nazionale-the-day-after/     Un primo rapidissimo commento: vi attendevate un risultato simile? Eravamo convinti di riuscire a girare la votazione in almeno due comuni. Però le dimensioni del risultato si sono effettivamente rivelate inversamente proporzionali alle forze in campo. È come se una squadretta da oratorio avesse battuto il Real Madrid per 6 a … Leggi tutto

I risultati commentati dalla stampa

La stampa non tarda a commentare i risultati del voto odierno, eccovi i link ai primi articoli online:

RSI:  “Bocciato il Parco del Locarnese”

https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/Bocciato-il-Parco-del-Locarnese-10566764.html

TIO: “Le urne sotterrano il Parco”

https://www.tio.ch/ticino/politica/1264116/le-urne-sotterrano-il-parco

TicinoNews:  “Il responso delle urne è più che chiaro: NO al Parco Nazionale”

http://www.ticinonews.ch/ticino/465495/il-responso-delle-urne-e-piu-che-chiaro-no-al-parco-nazionale

CDT:  “Severa bocciatura per il parco nazionale”

https://www.cdt.ch/ticino/locarno/194727/severa-bocciatura-per-il-parco-nazionale

 

Grazie di cuore!

Il risultato dalle urne è uscito, ed è schiacciante! Solo 2 comuni su 8 hanno votato a favore del PNL e pure la maggioranza assoluta è risultata contraria! Ecco i risultati finali: Brissago:  NO 499 contrari – 403 favorevoli Centovalli:  NO 396 contrari – 320 favorevoli Losone:  NO 1477 contrari – 1259 favorevoli Onsernone: NO … Leggi tutto

Di chi dobbiamo fidarci?

In questi giorni il Cantone con una presa di posizione del CdS segnala il suo importante ruolo nel PNL quasi ad ergersi a garante della popolazione che all’interno vi vive ed opera. Sorge ora una domanda. Ma dobbiamo fidarci e di chi? Basta vedere cosa è successo al Parco del Piano di Magadino, parco che … Leggi tutto

FUSIONE VALLE ROVANA – UN PASSO AVANTI ED UNO INDIETRO

I comuni di Campo Vallemaggia, Linescio, Cerentino e Cevio mettono un paracadute alla fusione. Ci è stato comunicato da alcuni addetti ai lavori che, dopo aver aver preso atto delle intenzioni e delle mire espansionistiche del Progetto parco e del Cantone di riallacciare il territorio PNL di Bosco Gurin attraverso la fusione dei comuni della Valle Rovana, che si sono voluti mettere i puntini sulle “i”. 

A salvaguardia della volontà popolare democraticamente espressasi nel 2009 in merito all’adesione al Progetto parco da parte dei succitati comuni, è stato scritto nel rapporto della commissione di studio che in nessun modo sarà possibile garantire la continuità territoriale utilizzando il suolo dei medesimi. A margine delle affermazioni di Marco Molinari ,che chiede fiducia ad un governo che non intenderebbe coattare, sorge spontanea una domanda. Come può l’UFAM accettare un progetto che de facto non potrà mai essere conforme alle attuali leggi e ordinanze? Nelle riserve che l’UFAM dovrebbe inserire nel preavviso (ricordatevi che lo finalizzerà solo eventualmente dopo il voto) come potrà ora auspicare la necessità di riallacciare il comune di Bosco Gurin?
A scanso di equivoci ricordiamo a tutti che oggi il progetto è carente non solo per i mancanti km2 di superficie, ma anche per continuità e numero di zone centrali che sono oltre il consentito. Anche il fatto stesso che il territorio di Bosco Gurin è un exclave di per sé vietata dall’Ordinanza, dimostra che un’eventuale accettazzione potrebbe avvenire solo con riserve.

In conclusione di questa breve nota, non possiamo esimerci dal deplorare nuovamente certi sistemi e tecniche a lungo termine per eludere passaggi che dovrebbero essere il fulcro della democrazia del nostro paese. Il Progetto del parco è iniziato con carenze, negligenze ed ingerenze. La sua attuazione non può di certo portare ad esiti positivi per la popolazione, se partiamo dal presupposto che si chiede di concedere fiducia a chi si è comportato in maniera così poco trasparente e così anti democratica.