ERS Locarnese e Valli – LA TRASPARENZA DI UNA PIETRA

A ormai due settimane dalla declamazione pubblica della direzione dell’ERS durante il dibattito pubblico sul tema parco di Brissago, non vi è uno straccio di lista o di pubblicazione degli appalti o dei concorsi inerenti il progetto parco nazionale del locarnese. Di fatto, per salvare le apparenze in un frangente tanto delicato quanto imbarazzante, furono pronunciate testuali parole da parte di un funzionario “venga nel mio ufficio domani mattina che le faccio vedere tutto quello che vuole”.

Ora, sebbene i dettagli sulla vicenda che ha visto effettivamente un privato cittadino presentarsi l’indomani negli uffici di Locarno non siano noti, abbiamo la certezza che di documenti e giustificativi non ne sono stati presentati. Di conseguenza, la nostra domanda è: state ricostruendo un disordine amministrativo cronico o si temporeggia per non rivelare quello che ormai è chiaro a tutti, oppure e peggio ancora, state allestendo una lista di concorsi fittizi?

Quanto scommettiamo che una larga maggioranza delle opere di consulenza, delle assunzioni e dei lavori appaltati dall’ente parco è stata forgiata in maniera da non dover indire un bando? Quanti concorsi sono stati indetti su invito e, se del caso, sono stati invitati i soliti noti? Saremo pure complottisti, ma a pensar male ci abbiamo sempre azzeccato! Vedi questioni riguardanti UFAM, le restrizioni in zona periferica, le commissioni edilizie, il progetto venuto dall’alto, le mire espansionistiche eccetera….

Nella legge sulla trasparenza l’art. 2 cap. e) afferma che soggiaciono alla medesima anche “organi e servizi di altri enti e corporazioni di diritto pubblico, di società private a partecipazione statale maggioritaria e di altri organismi incaricati di compiti d’interesse pubblico.” Quindi rientra de facto in queste categorie anche il progetto parco, che a denti stretti ha confermato di essere un ente autonomo subordinato all’ERS Locarnese e Valli. Di principio la legge prevede all’art. 5 che l’informazione debba essere chiara e rapida e che le informazioni di interesse generale o ritenute importanti vengano diffuse tramite le pagine Internet degli organi e delle autorità previsti dall’art. 2 cpv. 1.

Orbene, perché tutto questo alone di mistero attorno ai conti PUBBLICI dell’ente che dovrebbe incondizionatamente aiutare al rilancio e sviluppo le nostre valli? Ma chi è a favore del progetto parco anche solo per puri motivi ideologici non si pone le stesse domande? Non si arrischia di intaccare la credibilità di un ente che dovrebbe essere superpartes con il sospetto di abitudini clientelistiche, visto che tutto sembra essere deciso e compiuto intramuros? La legge prevede (art. 9, capoversi 1 e 2) che ogni persona ha il diritto di consultare i documenti ufficiali e di ottenere informazioni sul loro contenuto da parte delle autorità e che essa può consultare i documenti ufficiali sul posto oppure ottenerne copia. Un diritto all’invio di copie è riconosciuto se l’onere amministrativo non è sproporzionato e se la persona interessata ne assume i costi. Dunque, cosa c’è di non chiaro alla direzione dell’ERS per far sì che continui a tergiversare fornendo una mezza rispostina ogni settimana?

L’auto-proclamato ente parco si propone con aggettivi di democraticità e legalità. Sebbene l’azione dei contrari sia stata giudicata come aggressiva e blasfema, questi hanno ampiamente dimostrato che vi sono incongruenze che non possono essere ignorate che hanno minato dapprima la coesione popolare e poi la credibilità di un progetto che mette le mani nelle nostre tasche e decide arbitrariamente cosa fare dei nostri contributi. Soprattutto le nostre valli, descritte come “povere” da parte di chi ne proclama la possibile rinascita, hanno bisogno di ben altro che l’ennesima lunga mano che distribuisce alla cerchia nobiliare di sostenitori.

Per concludere, se il parco è un ente autonomo, perché risponde Gabriele Bianchi che è dell’ERS? Chi è il responsabile dell’informazione di questo ente che dovrebbe rendere pubbliche e consultabili le cifre relative alla voragine che ha inghiottito oltre 12 milioni in poco meno di un decennio?

Ma soprattutto, visto e considerato che l’autorità ci chiede fiducia: cosa si sta aspettando per intervenire?

INTERVISTA A GLAUCO CUGINI – Un progetto insensato

Intervista a cura di Cindy Fogliani

 

Un progetto insensato

Glauco Cugini è autore della guida d’arrampicata Ticino e Moesano edita dal Club Alpino Svizzero, del libro fotografico Locarno, Onsernone e Centovalli, scalatore sportivo e apritore di vie d’arrampicata anche nella regione toccata dal progettato Parco Nazionale del Locarnese. Originario di Losone, oggi vive con la famiglia a Bellinzona. Si sente toccato dal Parco Nazionale del Locarnese soprattutto in qualità di arrampicatore e come autore.

Lei ha collaborato con il Parco e ne aveva un’opinione favorevole. Cosa l’ha portata a cambiare idea?

La mia posizione riguardo il Parco nazionale si è modificata in due tappe. La prima è stata proprio quando, collaborando come fotografo, ho compreso che il parco non era un progetto volto a favorire la natura ma l’economia (allettata dai milioni stanziati) e mi è parsa una manovra ipocrita. La seconda è stata quando diverse aree di arrampicata, talune anche molto frequentate, sono state inserite nella zona centrale del parco che si auto definisce di nuova generazione. Lo ritengo ingiusto e un controsenso.

Una deroga consente però l’arrampicata anche in questi settori.

È vero, ma si tratta di una deroga molto generica che non entra nel merito, ad esempio, dell’apertura di nuove vie, di lavori di pulizia e di mantenimento degli itinerari e degli accessi esistenti. A queste quote e latitudini spesso capita di dover tenere a bada l’avanzare della vegetazione. Sarà possibile in zona centrale? Alcuni itinerari di accesso e discesa, inoltre, sono ben definiti sulle mappe del parco ma in realtà, sul terreno, non vi è una traccia segnalata. Sarà possibile attenersi scrupolosamente ad essi, come richiede il regolamento del parco? E si potranno se necessario modificare?

Solitamente, in mancanza di disposizioni legali, vige la libertà d’azione.

Di questo non sono convinto. Credo che tutto dipenderà da come i gestori del parco vorranno interpretare la deroga. Oggi la popolazione può ancora dire la sua ma poi, per almeno dieci anni, sarà l’Ente parco a decidere. Immaginiamo, ad esempio, che un qualche uccello nidifichi in parete è facile che, trovandosi in zona centrale, se ne predisponga la chiusura immediata.

Non può valere la pena sacrificare qualche via di arrampicata in cambio di un parco nazionale suscettibile di dare slancio economico alla regione?

Quello che lei definisce “qualche via” è in realtà il frutto di molta passione, lavoro e denaro. Partendo dal presupposto che il progetto è volto a creare turismo e indotto economico mi pare un’assurdità limitare un’attività che da decenni è radicata nel territorio e attira in zona numerosi appassionati. Sono un estimatore di parchi nazionali, ho arrampicato con grande soddisfazione in numerosi parchi e riserve in Europa, Africa, Stati Uniti e Australia dove non vigono tutte le restrizioni alla libertà di movimento che regolano il parco in progetto nel Locarnese. In questo progetto si parla di parco di nuova generazione ma il regolamento delle zone centrali non si scosta molto da quello del Parco nazionale Svizzero, che ora chiamano riserva.

Se togliessimo i settori d’arrampicata dalla zona centrale sarebbe più magnanimo verso il progetto?

In questo progetto la zona centrale è critica in due sensi. Il primo è che limita la libertà di movimento non per fini di protezione della natura, che nella regione sta già oggi molto bene, ma per favorire una ristretta e selezionata parte dell’economia del fondovalle. Una specie di tributo che bisogna pagare seppur appaia come una contraddizione. Da una parte, infatti, si vuole aumentare il numero di visitatori, dall’altra si limitano attività di richiamo turistico. Il secondo è che la regione è piccola e fortemente antropizzata, lo si vede bene guardando le mappe del parco che la zona centrale è scomoda per tutti; che non si sa dove piazzarla. È per questo che include zone di arrampicata, che non hanno avuto un forte gruppo di interesse a loro difesa, ed è completamente frammentata. Il caso di Arcegno, sito di arrampicata molto apprezzato anche dai confederati è emblematico: la zona centrale si trova di fianco alla strada e include un’area molto frequentata da arrampicatori, ciclisti, famiglie, in cui si usa fare pic-nic, raccogliere castagne e lasciare scorrazzare il cane. Per rispondere alla domanda: sarei più magnanimo se non ci fosse una zona centrale. Per me è chiaro che gli intenti del progetto e la tipologia di territorio si accordano con un parco regionale e non un parco nazionale così come è concepito in Svizzera; inoltre sono convinto che queste regioni andranno avanti benissimo, come fatto sino ad ora, anche senza un sedicente Parco Nazionale.

 

Migliaia di franchi spesi per un video in stile Mulino Bianco, per poi sbagliare lo stemma comunale di Onsernone… riflette l’accuratezza del progetto ed il modo in cui sono stati spesi i soldi del contribuente…🍪

Ecco la decisione municipale per l’adozione del nuovo stemma: MM Stemma nuovo 12.4.2018

COMUNICATO STAMPA – Il patriziato di Ronco s/Ascona abbandona il progetto

COMUNICATO STAMPA – ASSOCIAZIONE NO AL PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE L’associazione No al Parco Nazionale del Locarnese ha preso atto della decisione del Patriziato di Ronco S/Ascona di non aderire al progetto di Parco nazionale del Locarnese. Questa notizia non fa altro che alimentare i sospetti profusi durante la fase di consultazione nella quale si … Leggi tutto

PRESA DI POSIZIONE RIGUARDANTE I TESTI DI APPROVAZIONE

Parco nazionale del locarnese: la montagna (UFAM) ha partorito il classico topolino. da ieri sono disponibili sul sito dell’Ufficio federale dell’ambiente alcune semi-risposte ai quesiti che abbiamo posto da tempo. Avevamo chiesto di poter conoscere il testo ufficiale di approvazione del progetto PNL e il testo del famoso accordo transfrontaliero che avrebbe dovuto essere firmato … Leggi tutto

Cleto Ferrari interroga il Consiglio di Stato

Parco Nazionale del Locarnese: Si chiede chiarezza e trasparenza Ci troviamo a dover segnalare situazioni che fanno dubitare sulla trasparenza con cui le procedure cantonali e federali siano state eseguite nel progetto di Parco nazionale del locarnese (PNL). In primis balza allocchio la modifica apportata dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) in “Zona Cesarini” allOrdinanza sui parchi … Leggi tutto

Le domande di Germano Mattei al Consiglio di Stato

Interpellanza ai sensi dell’art. 97 della Legge sul Gran Consiglio: – Progetto di Parco Nazionale del locarnese sono previste “zone cuscinetto” e quale sicurezza ai seggi elettorali? Lodevole Consiglio di Stato, nei comuni che fanno parte del Progetto di Parco del Locarnese tra poco più di una ventina di giorni, si vota sul destino di … Leggi tutto