ESPROPRIO DI PROPRIETÀ

Ricordiamoci che permettere l’istituzione di un parco nazionale implica che a livello pianificatorio vengano applicati i canoni sanciti dall’Opar!

Il rapporto esplicativo OPar del gennaio 2007, indica il chiaro perseguimento di una politica di esproprio, in particolare che “edifici ed impianti possono essere sottratti (al privato) all’utilizzo umano ad essere lasciati al libero corso della natura” e che “se gli edifici
utilizzati per scopi privati non possono essere esclusi dalla zona centrale sin dall’inizio, occorre indicare con precisione le modalità e i tempi con cui saranno liberati, sottoposti a restrizioni d’utilizzo o ceduti al parco.”

AVETE CAPITO BENE!!!

ALLA FACCIA DI COLORO CHE STARNAZZANO CHE PER I RUSTICI NON CAMBIERÀ NULLA!!

Come si legge a pagina 18, capoverso 3.

 

Vogliamo davvero lasciar approdare questo sistema di esproprio del territorio e dei beni privati in casa nostra!?

Ricordiamo che creare un parco nazionale significa cedere il NOSTRO TERRITORIO E LE NOSTRE LIBERTÀ alla confederazione in cambio di un pugno di mosche!

Semmai si debba istituire un parco, questo deve essere privo di questi aspetti impositivi e deleteri, quindi dovrà essere di tipo REGIONALE!

Il solo fatto che siano stati creati numerosi nuovi parchi regionali e NESSUNO nazionale, indica chiarimente che quello regionale è un modello di successo e approvato dalla popolazione. Ma noi siamo stupidi ticinesotti e quindi dobbiamo remare contro corrente!! Stiamo inventando l’acqua calda!