Nuovo capitolo online!

Abbiamo aggiunto alcune considerazioni iniziali a riguardo del tema “Territorio e requisiti”.

Il nostro punto di vista spiegato in maniera essenziale, porta alla luce alcuni fattori che i Grandi Maestri non hanno mai avuto l’accortezza o il coraggio di affrontare. Ad esempio gli effetti nefasti del dissesto idrogeologico che gli impianti OFIMA propinano al territorio del parco e di tutta la regione, come possono questi conciliarsi con le caratteristiche lodate all’inverosimile di elevata naturalezza delle nostre valli, tanto da essere definiti “gioielli naturalistici di un parco piccolo ma bello” quando silenziosamente e senza dar nell’occhio, stanno alla base dalla devastazione degli habitat delle specie indigene? Sarà forse il parco a salvare gli ecosistemi fluviali, oppure ci penserà il valore aggiunto?